Passa ai contenuti principali

Post

Come si vive nel regno del petrolio

Per la prima volta ho avuto modo di ascoltare l'esperienza di chi si trova in Arabia Saudita, dandomi modo di conoscere il posto e ciò che offre. Ciao, presentati" Ciao, mi chiamo Chiara, ho 40 anni e, da circa un anno e mezzo vivo ad Al-Khobar in Arabia Saudita, seguendo mio marito che, dopo aver accettato un' offerta lavorativa, si trovava qui già da 5 mesi per un periodo di prova."
Di cosa vi occupate al momento? "Ora come ora io non ho un lavoro vero e proprio, mi occupo di un blog che ho aperto da poco. In Italia, invece, mi occupavo di risorse umane in ambito amministrativo. Mio marito è anche lui un HR (Human Resources) e si occupa di formazione e sviluppo per un azienda petrolifera della zona." Come mai la scelta di lasciare l'Italia? "Diciamo che in Italia, io ed il mio compagno eravamo arrivati ad un punto tale per cui ci trovavamo di fronte un muro, l'impossibilità di proseguire e progredire in ambito professionale. Non avevamo più …
Post recenti

Luca: "In Romania ho ritrovato i veri valori e una vita tranquilla"

Oggi sentiamo Luca, un uomo che ha deciso di andare a vivere in Romania, ciao Luca parlaci un po' di te "Ciao, mi chiamo Luca, ho 45 anni e al momento sono imprenditore di me stesso*, vivo a Cluj Napoca, in Romania." Di cosa ti occupavi in Italia e perchè hai deciso di lasciare la penisola?"In Italia ero un imprenditore, nello specifico possedevo una parte di un complesso finalizzato al fitness, caratterizzato da palestra e spa, e una parte di una azienda che produceva prodotti bio/vegani. Purtroppo non percepivo quasi nulla da queste due attività ed inoltre sentivo che l'Italia non mi rappresentava più né come cittadino, né dal punto di vista dei miei diritti. Così, un giorno, chiamai il mio avvocato e il mio commercialista e gli comunicai che avevo deciso di mollare tutto e partire per la Romania." Come mai proprio la Romania?"Per spiegartelo occorre fare una premessa: per prima cosa devi sapere che mio padre, quando ero piccolo, mi diceva cose che i…

Voglio cambiare vita, vado in Brasile

Ho avuto la possibilità di conoscere la storia di Giulia che ha deciso di trasferirsi con la sua famiglia in Brasile. Ciao, presentati "Ciao, mi chiamo Giulia, ho 36 anni e da circa un anno e mezzo vivo a Pipa (vicino a Natal, nel Rio Grande do Norte), una piccola città nel nord-est del Brasile. Al momento non lavoro, ma fino a poco tempo fa io e la mia famiglia avevamo una parte di proprietà di un ristorante italiano. Ora, da circa un anno, stiamo investendo nell'apertura di un'azienda che si occuperà della produzione di prodotti detergenti per la pulizia di vestiti, pavimenti, ecc..." Di cosa ti occupavi in Italia? "In Italia ero assistente alla poltrona in uno studio

dentistico, quindi una cosa totalmente diversa da quella che faccio attualmente." Come mai la decisione di partire? "Circa 10 anni fa io e mia madre siamo state in vacanza in Brasile e ci siamo innamorate. Nel frattempo un nostro caro amico di famiglia aveva deciso di trasferirsi li;…

Sogno l'Irlanda, ma non voglio rinunciare ai miei amici a 4 zampe

Perchè lavorare in Irlanda? Ce lo spiega Giulia, ciao raccontaci la tua storia "Ciao, mi chiamo Giulia, ho 40 anni e lavoro per un azienda americana a Galway, Irlanda. Nello specifico, mi occupo di order management*."
Di cosa ti occupavi in Italia? Qual'è stato il motivo che ti ha spinta ad andartene? "In italia ero una ricercatrice nel campo della biologia molecolare, ma si trattava di un lavoro poco retribuito e a tempo decisamente più che determinato; così, a 35 anni, ho deciso che preferivo vivere e mi sono lanciata." Come mai l'Irlanda? "In realtà totalmente a caso: in Irlanda non c'ero mai stata, non la conoscevo e, Guinnes a parte, non ne sapevo nulla; non si è trattato nemmeno di lingua visto che già parlavo inglese, francese e spagnolo; se ti racconto come ho trovato questo lavoro, capirai quanto è stato casuale." Quindi le lingue non rappresentavano un problema per te. Allora come hai ottenuto il posto? "In pratica con un dotto…

Perchè fare l'università in Danimarca

Oggi sentiamo Giorgia, che vive e studia in Danimarca. Ciao, allora, parlaci un po di te"Ciao, mi chiamo Giorgia, ho 23 anni e studio marketing management a Horsens, Danimarca. Sono nata a Bucarest, Romania, ma successivamente all'età di 13 anni mi sono trasferita in Italia dove sono rimasta fino all'inizio dell'università." Che corso di laurea avevi scelto?"Avevo scelto mediazione linguistica e culturale, ma, dopo un po' di tempo, mi sono resa conto che non mi piaceva: c'era tanta teoria da imparare e poi, dopo aver studiato e passato un esame, mi rendevo conto che non mi rimaneva quasi nulla di ciò che avevo imparato."
Quindi hai deciso di studiare all'estero. Come mai ti sei indirizzata proprio verso la Danimarca?
"Diciamo che già dalle superiori avevo scoperto che le università, lì erano gratis. Inoltre, sapevo che c'era la disponibilità di molti corsi di laurea in inglese, che io già conoscevo bene." Come lo hai imparato? Qual…

In Irlanda per una vita dignitosa

Ciao, presentati "Ciao, mi chiamo Dario ho 23 anni e lavoro come care assistant* a Convoy, Irlanda." Essendo molto giovane, in Italia cosa facevi? Già lavoravi? "Bella domanda! In Italia, subito dopo aver preso la laurea come infermiere, ho cercato lavoro un anno senza però trovare nulla. Ho iniziato allora a guardare subito all'estero: d'altronde avevo un titolo e volevo utilizzarlo in qualche modo!" Come mai hai optato per l'Irlanda? "In verità la mia prima idea era di andare in Germania. Ho studiato il tedesco per tre mesi con una signora madrelingua, finchè non ho capito che si trattava, per me, di una lingua impossibile, anche perchè per il mio settore era richiesto, già da subito, un livello avanzato. Così, leggendo su un articolo di giornale, scoprii che l'Irlanda era ai vertici per quanto riguardava le assunzioni e decisi di tentare." Cioè? Cosa hai fatto? "In realtà è stata una cosa molto casuale. Ho semplicemente cercato su…

Nel mondo della programmazione non ci sono strade sbarrate

Ciao, presentati  "Ciao, mi  chiamo Stefano, ho 36 anni e lavoro a Londra dal 2010 come software developer."
Cosa facevi in Italia?

"Ho iniziato a lavorare nel 2006, a Roma, per una società di consulenza, in seguito ho lavorato al Ministero degli Affari Esteri e all' INPS." Qual'è stato il motivo che ti ha spinto ad andare via dall'Italia? "Il motivo principale è stato che sapevo che all'estero c'era una remunerazione maggiore,specie a Londra, ma la decisione è stata presa anche da altre motivazioni personali nonchè dalla volontà di intraprendere un viaggio come questo. Diciamo che l'idea mi affascinava." Perchè hai scelto proprio Londra? "Il vero obbiettivo era l'Australia. La sorella di mia moglie vive a Perth, quindi avevamo già a disposizione un contatto; il problema maggiore però era la barriera linguistica: nè io nè mia moglie conoscevamo bene l'inglese. Alla fine entrambi abbiamo fatto dei corsi e abbiamo scelto…