Passa ai contenuti principali

Luca: "In Romania ho ritrovato i veri valori e una vita tranquilla"

Oggi sentiamo Luca, un uomo che ha deciso di andare a vivere in Romania, ciao Luca parlaci un po' di te

"Ciao, mi chiamo Luca, ho 45 anni e al momento sono imprenditore di me stesso*, vivo a Cluj Napoca, in Romania."

Di cosa ti occupavi in Italia e perchè hai deciso di lasciare la penisola?

"In Italia ero un imprenditore, nello specifico possedevo una parte di un complesso finalizzato al fitness, caratterizzato da palestra e spa, e una parte di una azienda che produceva prodotti bio/vegani. Purtroppo non percepivo quasi nulla da queste due attività ed inoltre sentivo che l'Italia non mi rappresentava più né come cittadino, né dal punto di vista dei miei diritti. Così, un giorno, chiamai il mio avvocato e il mio commercialista e gli comunicai che avevo deciso di mollare tutto e partire per la Romania."

Come mai proprio la Romania?

"Per spiegartelo occorre fare una premessa: per prima cosa devi sapere che mio padre, quando ero piccolo, mi diceva cose che io all'epoca reputavo assurde,del tipo che paesi che noi consideravamo del terzo mondo sarebbero diventati più avanzati di noi del "primo mondo". Tutto ciò, alle mie orecchie, risuonava come un controsenso, così come mi sembrava incredibile il fatto che lui volesse fare investimenti in posti come la Romania dove, all'epoca, non c'era quasi nulla. A tutto ciò aggiungi che mia moglie è rumena e, dunque, la scelta della Romania come meta sembrava sempre più certa."

Che stile di vita offrono Cluj Napoca e la Romania in generale?

"Lo stile di vita offerto è molto rilassato e piacevole. Non si respira tutto quello stress e quella tensione che in Italia, per me, erano all'ordine del giorno. Per quanto riguarda le persone, posso dirti che non sono assolutamente come ce le si aspetta! Da quando sono qui ho ritrovato valori che credevo di aver perso come il rispetto per gli anziani, per la famiglia e per le persone povere. In particolare qui a Cluj si respira anche una notevole tranquillità dal punto di vista dell'assenza di criminalità. Mi sento assolutamente in dovere di smentire tutte quelle voci secondo le quali i rumeni sarebbero un popolo di ladri e di teppisti. Quando ero in Italia ho subito rapine ben 3 volte! Qui posso tranquillamente lasciare la porta di casa aperta senza aver paura di nulla. Il tutto è anche merito del fatto che qui, le conseguenze che portano atti anche "banali" come un furto, sono pesantissime: si va subito in carcere e per anni!"

Il costo della vita com'è? Paragonabile a quello italiano?

"Diciamo che la prima cosa sbagliata che si può pensare di fare è venire qui, fare l'operaio a 400€ al mese e sperare di fare la bella vita solo perchè si è in Romania. Questo non è assolutamente possibile, specie se ci si trova in grandi città come Bucarest. Diciamo che con quella cifra si può sopravvivere in Italia e vivere qui."

Permessi, visti, hai dovuto fare qualcosa?

"Allora visti proprio no perchè, fortunatamente, quando sono arrivato la Romania era già parte dell'UE. Però ho dovuto fare alcune procedure burocratiche obbligatorie se vuoi rimanere per lungo tempo sul territorio e lavorare. Ho richiesto il CNP, una specie di carta di identità e ho dovuto aprire un conto in banca presso una banca locale e fare un versamento."

Senti la mancanza di qualcosa dell'Italia?

"Sono cresciuto in un posto dove il mare e il buon cibo erano due enormi pilastri. Quindi si, sento decisamente la mancanza di queste cose perchè alla fine diciamocelo, l'Italia è un bellissimo paese ma purtroppo oggi non la pizza, il mare e il mandolino, non bastano più per mantenere l'economia di questa nazione."

Ringrazio Luca per il tempo e la disponibilità. La Romania rappresenta un paese in crescita che offre sempre più opportunità e, alla quale, sempre più italiani si affacciano. Luca rappresenta un faro per gli italiani che hanno intenzione di muovere i primi passi in Romania. Vi lascio a fondo pagina tutti i suoi contatti. A presto,

Valerio





Vuoi raccontarmi la tua esperienza? Scrivimi a
 valeriovalente96@gmail.com







*Luca, come accennato, si occupa di libera informazione li in Romania e aiuta, spesso, gli Italiani che hanno bisogno di saperne di più. Se volete maggiori informazioni:

PAGINA FACEBOOK ROMANIAWEB24: http://www.facebook.com/FibbiLuca/?fref=ts

PAGINA FACEBOOK "ITALIANI A CLUJ NAPOCA": https://www.facebook.com/groups/287711191621443/?fref=ts

PAGINA FACEBOOK "ROMANIA ITALIA BELLA FAMIGLIA": https://www.facebook.com/groups/lucafibbi/?fref=ts



 

Post popolari in questo blog

Nel mondo della programmazione non ci sono strade sbarrate

Ciao, presentati  "Ciao, mi  chiamo Stefano, ho 36 anni e lavoro a Londra dal 2010 come software developer."
Cosa facevi in Italia?

"Ho iniziato a lavorare nel 2006, a Roma, per una società di consulenza, in seguito ho lavorato al Ministero degli Affari Esteri e all' INPS." Qual'è stato il motivo che ti ha spinto ad andare via dall'Italia? "Il motivo principale è stato che sapevo che all'estero c'era una remunerazione maggiore,specie a Londra, ma la decisione è stata presa anche da altre motivazioni personali nonchè dalla volontà di intraprendere un viaggio come questo. Diciamo che l'idea mi affascinava." Perchè hai scelto proprio Londra? "Il vero obbiettivo era l'Australia. La sorella di mia moglie vive a Perth, quindi avevamo già a disposizione un contatto; il problema maggiore però era la barriera linguistica: nè io nè mia moglie conoscevamo bene l'inglese. Alla fine entrambi abbiamo fatto dei corsi e abbiamo scelto…

Perchè fare l'università in Danimarca

Oggi sentiamo Giorgia, che vive e studia in Danimarca. Ciao, allora, parlaci un po di te"Ciao, mi chiamo Giorgia, ho 23 anni e studio marketing management a Horsens, Danimarca. Sono nata a Bucarest, Romania, ma successivamente all'età di 13 anni mi sono trasferita in Italia dove sono rimasta fino all'inizio dell'università." Che corso di laurea avevi scelto?"Avevo scelto mediazione linguistica e culturale, ma, dopo un po' di tempo, mi sono resa conto che non mi piaceva: c'era tanta teoria da imparare e poi, dopo aver studiato e passato un esame, mi rendevo conto che non mi rimaneva quasi nulla di ciò che avevo imparato."
Quindi hai deciso di studiare all'estero. Come mai ti sei indirizzata proprio verso la Danimarca?
"Diciamo che già dalle superiori avevo scoperto che le università, lì erano gratis. Inoltre, sapevo che c'era la disponibilità di molti corsi di laurea in inglese, che io già conoscevo bene." Come lo hai imparato? Qual…